Ricordarsi

Immagine

 

Rompo il silenzio degli ultimi mesi e riprendo a scrivere. Lo faccio oggi, giorno speciale, che chiede di non dimenticare, di ricordarsi.

Io scelgo di ricordare Jan Liwacz.

Era un semplice fabbro, anche lui deportato ad Auschwitz, cui imposero di fabbricare la scritta sopra al cancello di entrata. Lui lo fece, ma mise tutta la sua ribellione all’orrore nella “B”, che saldò all’incontrario. I nazisti non se ne accorsero e la appesero così com’era. Quella “B” è ancora lì, e ci invita a ricordare, e a ribellarsi.

Ribellione è una bella parola, ritornerà nei post che andrò a scrivere. Ma oggi mi ricordo di Jan.

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...